Contratti a termine stagionali

Maggiore flessibilità del lavoro per i pubblici esercizi e la ristorazione collettiva

Le aziende con apertura annuale che applicano il contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti dei settori pubblici esercizi, ristorazione collettiva e commerciale e turismo dell'8 febbraio 2018 sottoscritto da FIPE possono legittimamente rinnovare o prorogare  contratti a termine per lo svolgimento di attività di carattere stagionale definite dal suddetto contratto collettivo al di fuori delle (limitative) motivazioni normalmente previste dal Decreto Dignità. 
Allargamento delle possibilità di utilizzo dei contratti a tempo determinato e quindi maggiore flessibilità del lavoro: sono questi gli importanti effetti per l'intero settore della "Dichiarazione congiunta" del 7 febbraio 2019 col quale F.I.P.E. (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) con le altre associazioni datoriali ed i sindacati firmatari il contratto collettivo nazionale di lavoro hanno ribadito che le ipotesi di lavoro stagionale a termine previste dagli articoli 90 e 94 del C.C.N.L. sono pienamente conformi ai requisiti stabiliti dalle nuove norme introdotte dal Decreto Dignità ai fini dell'applicazione della specifica normativa sul lavoro stagionale.    
Si tratta di rinnovi o proroghe di contratti a tempo determinato motivati da intensificazioni dell'attività in determinati periodi dell'anno:
- periodi connessi a festività religiose e civili (nazionali ed estere);
- periodi connessi allo svolgimento di manifestazioni;
- periodi interessati da iniziative promozionali e/o commerciali;
- periodi di intensificazione stagionale e/o ciclica dell'attività in seno ad aziende ad apertura annuale.
Si evidenzia, inoltre, che nelle ipotesi di stagionalità non trovano inoltre applicazione né il limite massimo di durata complessiva di 24 mesi, né il periodo minimo di intervallo di 10 o 20 giorni tra un contratto e l'altro (a seconda che il contratto precedente abbia avuto una durata fino a sei mesi o superiore).
Si ricorda, infine, che la "Dichiarazione congiunta" sottoscritta da F.I.P.E. fa seguito ad un analogo accordo firmato il 31 ottobre 2018 da Federalberghi e FAITA per le aziende alberghiere e per le strutture ricettive turistiche all'aperto.

L'Ufficio Sindacale di Confcommercio Ascom Bologna è a disposizione per ogni ulteriore informazione o chiarimento. Tel. 0516487402 email sindacale@ascom.bo.it

 

Società servizi