Contributo a fondo perduto e rilascio di garanzie pubbliche per rafforzare la competitività: "Por Fesr 2014-2020, Azione 3.1.1. Bando Regionale per il sostegno degli investimenti produttivi"

DIFFERIMENTO TERMINI DI PRESENTAZIONE - Contributo a fondo perduto e rilascio di garanzie pubbliche per rafforzare la competitività: "Por Fesr 2014-2020, Azione 3.1.1. Bando Regionale per il sostegno degli investimenti produttivi".

La Regione Emilia Romagna con Determina del 7 maggio 2018, ha effettuato un differimento dei termini di presentazione delle domande di contributo relativamente alla prima finestra di presentazione.

I periodi per la presentazione delle domande sono:
- 1° finestra dalle ore 10,00 del giorno 5 giugno 2018 alle ore 13,00 del giorno 19 luglio 2018;
- 2° finestra dalle ore 10,00 del giorno 4 settembre 2018 alle ore 13,00 del giorno 28 febbraio 2019.

Le domande saranno valutate in base all'ordine cronologico di presentazione. La Regione si riserva  di chiudere anticipatamente le finestre di presentazione nel caso in cui le richieste siano eccedenti rispetto le risorse stanziate.
Sono ammessi alle agevolazioni del Bando Regionale specifici codici d'attività (Codici Ateco).
Per informazioni e chiarimenti contattare Confcommercio Ascom Bologna - Ufficio Credito (credito@ascom.bo.it - tel. 051/6487602).



La Regione Emilia Romagna ha aperto il bando per rafforzare la competitività delle piccole e medie imprese, attraverso  contributi a fondo perduto, dal 20% al 35%, a fronte di investimenti realizzati tramite il ricorso a finanziamenti a medio/lungo termine di importo compreso tra il 65% e l'80% del costo complessivo dell'investimento, erogati dal sistema bancario, e garantiti fino all'80% da un confidi selezionato e controgarantiti all'80% da Cassa Depositi e Prestiti tramite il Fondo EuReCa.

Il contributo concedibile è in regime "de minimis", e non potrà comunque superare l'importo di 150.000,00 euro e non è cumulabile con altre forme di agevolazione ad eccezione  della controgaranzia della Cassa Depositi e Prestiti.

I progetti ammissibili devono avere una dimensione di spesa compresa tra  40.000,00 euro e 500.000,00 euro e finalizzati a investimenti produttivi espansivi ad alto contenuto tecnologico che, attraverso un complessivo ammodernamento degli impianti, dei macchinari e delle attrezzature, siano idonei a favorire l'innovazione di processo, di prodotto o di servizio e abbiano ricadute positive su uno o più dei seguenti aspetti: a) miglioramento dei tempi di risposta e di soddisfacimento delle esigenze dei clienti; b) introduzione di tecnologie abilitanti nei processi produttivi; c)riduzione degli impatti ambientali dei processi produttivi.

Le spese ammissibili sono:

* Acquisto di impianti, macchinari, beni strumentali e attrezzature - nuovi di fabbrica - funzionali alla realizzazione del progetto, anche idonei a consentire un miglioramento dell'efficienza energetica dei prodotti e/o dei processi produttivi e di servizio;
* Acquisto di beni intangibili quali brevetti, marchi, licenze e know how da intendersi come l'insieme di conoscenze, connotate dal requisito della segretezza e dell'originalità, atte ad ottimizzare i processi produttivi industriali ma inidonee ad essere brevettate in quanto non produttive né consistenti in risultati industriali specificatamente individuabili;
* Acquisto di hardware, software, licenze per l'utilizzo di software, servizi di cloud computing;
* Spese per opere murarie ed edilizie strettamente connesse alla installazione e posa in opera dei macchinari, beni strumentali, attrezzature e impianti;
* Acquisizioni di servizi di consulenza. 

La domanda di contributo dovrà essere compilata e inviata alla Regione esclusivamente per via telematica (Sfinge 2020).
Le domande saranno valutate in base all'ordine cronologico di presentazione.

Le finestre di presentazione sono: 
- 1° finestra dalle ore 10,00 del giorno 9 maggio 2018 alle ore 13,00 del giorno 26 giugno 2018;
- 2° finestra dalle ore 10,00 del giorno 4 settembre 2018 alle ore 13,00 del giorno 28 febbraio 2019.

La Regione si riserva  di chiudere anticipatamente le finestre di presentazione nel caso in cui le richieste siano eccedenti rispetto le risorse stanziate.

Le risorse stanziate ammontano a 22.467.142,00 euro dal Por-Fesr 2014-2020 (fondi europei) suddivise in due annualità: per l'anno 2018 lo stanziamento ammonta a 14.780.824,00 euro, per l'anno 2019 lo stanziamento ammonta a 7.686.318 euro.
Inoltre per le aree montane sono state destinate ulteriori risorse pari a 1.500.000,00 euro (fondi regionali) così suddivise:  500.000,00 euro per l'anno 2018 e 1.000.000,00 euro per l'anno 2019.
A dette risorse si aggiunge il Fondo di controgaranzia EuReCa (fondi regionali) con dotazione iniziale di oltre 6.000.000,00 di euro.

L'elenco dei comuni della montagna con maggiore premialità sono:
Alto Reno Terme, Camugnano, Lizzano in Belvedere, Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Fontanelice, Castel d'Aiano, Castel di Casio, Castiglione dei Pepoli, Gaggio Montano, Grizzana Morandi, Marzabotto, Monzuno, San Benedetto Val di Sambro, Vergato, Loiano, Monghidoro, Monterenzio, Pianoro, Monte San Pietro, Sasso Marconi, Valsamoggia.

Sono ammessi alle agevolazioni del Bando Regionale specifici codici attività (Codici Ateco).

Per informazioni e chiarimenti contattare Confcommercio Ascom Bologna - Ufficio Credito (credito@ascom.bo.it - tel. 051/6487602).

 

Società servizi